GAMBE FRESCHE E LEGGERE… anche se fa caldo!

Ecco due proposte fresche fresche per l’estate valide fino al 16 Luglio 2022!!!

ACQUISTA IL RITUALE CRIO LEGS
a soli € 78,80

IN OMAGGIO 1 PRESSOTERAPIA!

Ecco cosa comprende il rituale:
1 Crema Crio rinfrescante
(con estratti di ippocastano, menta, pungitopo, mirtillo, ananas ed eucalipto)
+
1 BOOSTER CRIO
(concentrato fluido che amplifica la sensazione del freddo con azione anti edema)

oppure

ACQUISTA IL PERCORSO LEGGEREZZA
a soli € 240,00 € 199,00

Ecco cosa comprende il precorso:

2 sedute di bendaggio defaticante abbinato alla pressoterapia
+
2 massaggi drenanti specifici per le gambe

CHIAMACI PER PRENOTARE AL N. 0161804360

Promozioni valide fino ad esaurimento scorte.
Trattamenti da eseguire entro il 30/09/2022.

Qualche info di approfondimento…

Gambe gonfie e pesanti: cause e rimedi

Quello delle gambe gonfie e pesanti è un problema molto comune soprattutto per le donne.
Con l’arrivo del caldo, questo disturbo si amplifica e se unito ad uno stile di vita sbagliato e ad una scorretta alimentazione, i sintomi di questa problematica riescono ad essere davvero debilitanti.
I sintomi si manifestano con dolore, pesantezza, gonfiore, formicolio, bruciore e talvolta anche prurito, soprattutto alla sera, segno di un aumento della pressione venosa sulla parete dei vasi.

CAUSE

Le gambe gonfie e pesanti sono tuttavia solo il sintomo di un problema più interno e cioè l’insufficienza venosa. In parole semplici si tratta di un’alterazione di un tipo di valvole presenti all’interno delle vene, dette “valvole a nido di rondine”, che si assicurano che il sangue fluisca sempre verso il cuore e mai nel senso opposto. Quando queste valvole non funzionano bene, si ha di conseguenza anche un’alterazione della circolazione venosa.
I fattori che incidono su questa problematica sono diversi, ma sembra che la familiarità abbia un ruolo molto importante, con un’incidenza circa dell’85%.
Anche la gravidanza e il parto possono predisporre al problema, e infatti dati statistici dimostrano come le donne che hanno avuto figli e che soffrono di insufficienza venosa siano in una percentuale maggiore rispetto alle donne che non hanno affrontato gravidanze.
Tuttavia, stile di vita e alimentazione giocano un ruolo chiave anche in questo caso. L’obesità, il sovrappeso, e scorrette abitudini alimentari e comportamentali, sembrano infatti favorire l’insorgenza del disturbo, come ad esempio l’abitudine di consumare cibi molto salati, consumo eccessivo di carboidrati e zuccheri, la sedentarietà, oppure lo stare per molto tempo in piedi o esporsi per molto tempo a fonti di calore.

 

RIMEDI

Poiché, purtroppo, non si può agire sulla familiarità e di certo non possiamo privarci della gioia di un figlio, bisogna agire innanzitutto sullo stile di vita e sull’alimentazione.

  • Mantenere il peso ideale: obesità e sovrappeso sono i primi fattori che dobbiamo eliminare per evitare il peggioramento dei sintomi. Seguire una sana alimentazione e svolgere un’adeguata attività fisica sono i primi passi da compiere verso la risoluzione del problema.
  • Camminare: è fondamentale per riattivare la circolazione. Infatti, ogni volta che si fa un passo, una parte di sangue viene spinta dal piede e dal polpaccio, in alto verso la coscia e da qui verso il cuore, mettendo in moto tutto il sistema cardiovascolare.
  • Pressoterapia: più precisa di un massaggio manuale, garantisce un aiuto concreto e piacevole per promuovere la circolazione venosa di ritorno. Abbinata a bendaggi defaticanti, restituisce leggerezza e freschezza immediata alle gambe.
  • Alimentazione giusta: il gonfiore e l’edema possono essere causati anche da ritenzione idrica che associandosi all’insufficienza venosa amplifica i sintomi. È dunque sempre bene agire anche su questo aspetto prediligendo uno stile Low-Carb e bere almeno 2,5 litri di acqua al giorno.
  • Fragole, ribes, mirtilli : aumentare il consumo di questi alimenti può portare sicuramente ad un giovamento. Questi frutti infatti sono noti per favorire la circolazione sanguigna e la depurazione dell’organismo.